Testata

Sociologica

Content Section

User:
Password:
Remember me on this computer.

News

Call for papers, conferences, seminars.

Seminari e convegni

Biografie di oggetti. Vita quotidiana e cultura materiale

Ottobre 2007, Bolzano
, September 26, 2007

Giovedì 18 ottobre 2007, alle ore 9.30, presso la Libera Università di Bolzano in Via Sernesi 1, 39100 a Bolzano, si terrà il convengno internazionale "Biografie di oggetti. Vita quotidiana e cultura materiale".

Le nostre vite sono disseminate di oggetti ed è attraverso molti di questi oggetti, la loro ricorrenza, quella familiarità che spesso ce li fa apparire scontati, che possiamo circoscrivere una dimensione quotidiana che attraverso essi si dipana. Questi oggetti “quotidiani” non solo delimitano e costituiscono un grande parte delle nostre vite, ma a volte - senza che ce ne accorgiamo - contribuiscono a trasformarle. Al contempo, però, sono essi stessi a cambiare: si usurano, invecchiano, si rompono, ma anche si ridislocano e si riarticolano con altri oggetti o attività prima non presenti, a volte cambiando anche radicalmente di funzione.

Ma la vita degli oggetti non si limita a ciò che accade loro una volta che sono entrati a far parte delle nostre quotidianità: la loro storia, la biografia di ciascun oggetto, inizia ben prima, dal momento in cui esso viene alla luce in una fabbrica, in un'officina, in un laboratorio, ed è segnata dal processo di progettazione che ha preceduto l'effettiva nascita. Essa prosegue poi attraverso i canali di distribuzione per giungere tramite acquisto, regalo, furto, prestito a contribuire a costruire e specificare il nostro quotidiano, grazie anche alle esperienze che l'oggetto ha vissuto. E poi, quasi sempre, gli oggetti escono dal nostro quotidiano, ma questo non vuol dire che muoiano, per lo meno non subito: possono incorrere in un'agonia più o meno lunga che li vede andare verso la dismissione, ma che può anche dare loro una seconda vita – recuperati, riciclati, riutilizzati – fino alla consacrazione in musei o teche domestiche.

Il convegno offrirà un momento di riflessione intorno al concetto suggestivo ed evocatore di “biografia degli oggetti”. Proposto vent’anni fa dall’antropologo Igor Kopytoff, questo concetto è stato solo raramente oggetto di riflessione o di ricerche sistematiche. Attraverso il convegno si vuole sondare da un punto di vista progettuale, metodologico, teorico ed epistemologico quale può essere il contributo di tale categoria interpretativa alla riflessione sugli oggetti quotidiani, sulle loro storie, sulla loro presenza nel mondo umano.

Interverranno:

  • Thierry Bonnot (etnologo, Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, Paris)
  • Maurizio Ferraris (filosofo, Università di Torino)
  • Giovanni Gasparini (sociologo, Università Cattolica di Milano)
  • Hans Hoeger (teorico del design, Libera Università di Bolzano)
  • Harvey Molotch (sociologo, New York University, New York)
  • Michela Nacci (storica e tecnologa, Università de L’Aquila)
  • Francesca Rigotti (filosofa, Università di Lugano)
  • Wieki Somers (designer, Rotterdam)
  • Paolo Volonté (sociologo, Libera Università di Bolzano)

Al convegno è collegata la mostra Storie di cose, organizzata dalla Galleria Lungomare di Bolzano, che presenta al pubblico una serie di oggetti scelti da venti designer di fama internazionale, che di questi oggetti raccontano la biografia. La mostra sarà inaugurata venerdì 19 ottobre 2007 alle ore 19 presso la sede della Galleria Lungomare, in via Rafenstein 12 aBolzano.

Il convegno e la mostra sono pubblici e la partecipazione è libera. Non è necessaria alcuna iscrizione anche se, per il convegno, è gradita la segnalazione anticipata della propria presenza.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito internet della facoltà di Design e arti della Libera università di Bolzano
Per contatti, segnalazioni e ulteriori informazioni si può scrivere a: amattozzi@unibz.it

Keywords: vita quotidiana, cultura materiale, oggetti
>